Matti per gli Scacchi

Boom di corsi a studenti, casalinghe e manager

La rivincita degli scacchi, originariamente gioco nobile di nicchia, ora passatempo pop. Il variopinto esercito degli scacchisti esce dalla sfera nerd per accogliere sia giovanissimi che manager galvanizzati dalla possibilità di affinare sulla scacchiera le strategie di business.

In Italia si organizzano più di cinquecento tornei l’anno, i tesserati della Federazione Scacchi sono numerosissimi e aumentano di circa quattrocento ogni dodici mesi. Tra i non agonisti la crescita, nel 2016, è stata intorno al 10 per cento, accompagnata dall’inaugurazione di una decina di nuovi club. Secondo la Federazione internazionale, i giocatori nel mondo hanno abbondantemente superato il miliardo. Non mancano fanatici come Ennio Morricone (che gli scacchi li ha persino sul telefono), Sting (ha giocato contro Kasparov), Mark Zuckerberg e Bob Dylan.

Maestro di scacchi è Raffaele Jerusalmi, amministratore delegato di Borsa Italiana. Per restare nel mondo delle aziende, a gennaio l’amministratore delegato di Sogin – l’azienda del governo che lavora allo smaltimento delle centrali nucleari – Luca Desiata, autore di Scacchi e strategie aziendali con il super campione Anatolij Karpov, radunerà una ventina di manager per la due giorni: Gli scacchi e la teoria della negoziazione.

Perseveranza, competenza e disciplina sono, per Desiata, le caratteristiche in comune tra la più difficile negoziazione aziendale e una partita.

« Nella vita di tutti i giorni e al lavoro siamo abituati a vedere che chi fa la prima mossa parte in vantaggio. Negli scacchi questo dato di fatto è teorizzato come come vantaggio del tratto e il mondo del business lo ha riadattato come first mover’s advantage » .

Cosa succederà nella competizione tra i manager Sogin?

«I dirigenti, come in un torneo classico, sono divisi in gruppi di due per misurarsi su uno stesso caso aziendale. La negoziazione viene ripetuta cambiando le coppie secondo le regole tipiche di un torneo finché, dopo un certo numero di turni, emerge il vincitore».

Tutti pazzi per gli Scacchi

Tutti pazzi per gli scacchi, dunque, complice la vittoria al campionato italiano di Luca Moroni, 17 anni appena compiuti e incoronato Grande Maestro a 15 anni. Moroni ha iniziato a giocare a 6.

Cosa ha cambiato la percezione di questo gioco nel mondo? Ce lo spiega Adolivio Capece della Federazione Italiana Scacchi :

«La svolta è arrivata nel 1988 quando il Coni li ha annoverati tra gli sport quindi nel 2012 c’è stato il riconoscimento come materia curriculare nelle scuole dal parte del Parlamento europeo e, nel 2014, il ministero li ha inseriti tra le lezioni del mattino » .

Oggi, in Italia, sono oltre duemila gli istituti che inseriscono le scacchiere tra le materie d’insegnamento per circa 150 mila studenti. E nell’anno in corso aumenteranno del 15 per cento. All’ultima finale dei campionati scolastici hanno giocato 315 squadre, di trecento scuole, per un totale di 1500 ragazzi.

L’insegnamento va ben oltre la tecnica della partita. « Negli scacchi bisogna controllare ogni mossa per valutare quali decisioni prendere – spiega la professoressa Ornella Franceschinelli, che è anche mamma di tre giovani scacchisti – e questo comporta lo sviluppo di competenze trasversali. Inoltre s’impara a valutare i propri errori attuando una fondamentale “rilettura dell’insuccesso”. E soprattutto aumentano il senso di responsabilità, perché dopo aver fatto un errore non si può tornare indietro, e richiedono lunghi tempi di concentrazione che allenano all’impegno mentale prolungato».

Molti seminari sono stati organizzati in Bocconi, Mip Business School, Enel, Telecom, Be Consulting. Sempre più spesso però l’avversario è un software. Sono in tanti che scelgono di giocare on line.

Secondo Capece: « Il computer è un ottimo allenatore e aiuta a capire dove è l’errore. Tanto per fare un caso, il sito chess. com sostiene di avere oggi 17.265.231 giocatori; un anno fa erano sedici milioni».

Articolo originale di Irene Maria Scalise - tratto da La Repubblica del 16 dicembre 2017
link all'articolo originale QUI